La città politica (e non solo) alla luce del pensiero divergente

Questo sito non utilizza cookies

HOME

COMMENTI

EVENTI

RICEVIAMO

OPERE DI SINTESI

IMPEGNO LETTERARIO

GIORNALI

ESTERNI

ARCHIVIO

 

VISITE: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: http://www.contatore-visite-gratis.com/img.gif

  CONSIGLI COMUNALI  

Contatti: info@sanmarcoargentano-polis.it

 

Uno sguardo al passato per capire il presente:

 

Fuori dal coro

Nonostante tutto

Commenti e cronache di un anno

Un paese in crescita

2011……

I giornali  2004 - 2006

“LA SPIGA”   1995 - 1996

1985

 

 

Puoi visionare:

 

 

Deserti, folle e follie

 

Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: computer_planet_logo

Piazza Garibaldi, 7

San Marco Arg. (Cs)

0984 513469 - 329.9520409

 

 

Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: san marco - paolo

Una città normanna in Calabria

 

Link esterno

 

 

progettocomunesma

BLOG

del gruppo consiliare

PROGETTO COMUNE

 

 

GIACOMO MANCINI

ricordato da

Antonio Landolfi

 

di

Giuseppe Talarico

19 luglio 2016 – Due link. Il primo ci indirizza ad un articolo dolorosamente quanto giustamente risentito; il secondo ad un post su facebook, che ho immediatamente condiviso.

http://www.luminosigiorni.it/2016/07/costume-e-malcostume-un-ospedale-nel-profondo-sud-amarezza-dun-paziente-impaziente/

https://www.facebook.com/annalisa.martino?fref=ts

Certe cose vorresti non leggerle mai, eppure fanno parte del quotidiano nel disastrato inferno sanitario che, complici molti indifferenti ed incolti ras locali, ingurgita giorno dopo giorno le sofferenze di tanti calabresi che, per forza di cose o per necessità impellenti, devono consegnarsi ai Barbariccia che si alternano nei “prontisoccorso” della regione o, per quanto ci riguarda, della provincia.

Vai alla pagina

Continua a leggere

 

 

 

 

 

 

Quasi novanta,

ma non li dimostra

 

Parliamo di scuola

 

 

 

 

 

 

 

 

 

4 luglio 2016 – Stasera, sulla facciata dell’edificio scolastico di Via Vittorio Emanuele, è riapparsa qualche vecchia porta sottoposta a un leggero maquillage. Come dire: ha preso mordente. Rimane, fino ad ora inviolato nella sua mortificata vetustà, il portone centrale, in attesa che mani pietose diano una rinfrescata anche al suo aspetto decisamente non giovanile. La cosa alimenta il dubbio se le porte “restaurate” (si fa per dire) più frettolosamente abbiano lo scopo di far entrare i bambini della scuola elementare o di farli soltanto uscire, come è accaduto di recente. Ma non uscire per fare ricreazione o per partecipare a lezioni all’aperto e, quindi, rientrare subito dopo. Dico “uscire” per rimanere fuori dall’edificio altri due o tre anni (considerate le ultime esperienze) in attesa di “tempi migliori”. Quali siano i tempi migliori ognuno lo può immaginare da sé o farsene un’idea precisa. …

9 luglio 2016 – Io vi abito difronte e la mattina, quando appena sveglio apro le imposte della mia camera, la saluto, coscientemente o non, con la deferenza che impone il suo ruolo e l’affettuoso rispetto di chi le ha dedicato professionalmente gran parte dei propri anni migliori.

Essa è lì. «Sta – direbbe Dante – come torre ferma che non crolla giammai la cima per soffiar di venti.»

Ha quasi novant’anni e, nel bene e nel male, non era mai stata ingiuriata come in quest’ultimo periodo di tempo. Neanche le truppe tedesche, che verso la fine della seconda guerra mondiale vi si erano stanziate, le hanno mancato di rispetto, considerandola un presidio di cultura e di educazione, che andava preservato da ogni danno o da ogni benché minima ingiuria. …

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai alla pagina

 

Continua a leggere

 

Vai alla pagina

 

Continua a leggere

 

 

 

 

 

 

Il destino di chiamarsi Virginia

 

Quando la scuola sposa il palcoscenico

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

20 giugno 2016 - E così anche Roma, quasi emula della nostra piccola e bizzarra cittadina, ha il primo sindaco donna di nome Virginia. Immagino già l’imperversare della bufera di commenti, le cui prime avvisaglie si erano già manifestate durante la campagna elettorale. Voi chiamatele come volete: cattiverie, sospetti, ipotesi. Noi non ci addentriamo in questo sport generalmente praticato da una certa categoria di politici italiani. Fatto sta, però, che la pubblica opinione, non sempre smentita dalla cosiddetta “stampa libera”, legittimamente o meno, immagina la povera Virginia in balìa della “direzione” di un “direttorio”, …

 

3 giugno 2016 - Quando la scuola si sposa consapevolmente con il teatro, offrendo prodotti degni di nota e di considerazione, è segno che la qualità dell’azione educativa ha raggiunto livelli di intuibile eccellenza, che inorgoglisce alunni e docenti, fattori dell’educazione, tesi a dare un senso alla sinergia che dà vita alla scuola stessa e la riafferma, ove ce ne fosse bisogno, quale istituzione primaria nelle società di tutti tempi.

Ci sentiamo di dire, quindi, che il palcoscenico è il meraviglioso crogiolo nel quale cercano e raggiungono l’amalgama le componenti complesse dell’istituzione scuola, sorrette da un catalizzatore essenziale qual è il teatro nella sua concezione più alta. …

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai alla pagina

 

Continua a leggere

 

Vai alla pagina

 

Continua a leggere

 

 

 

 

 

 

Innamorarsi di se stessi

 

«LEGALITÀ E BUONA AMMINISTRAZIONE»

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

18 maggio 2016 - Da mesi, appollaiata su un cartello stradale sormontato da uno specchio parabolico, una ghiandaia è diventata meta di curiosi, attratti da questo uccello simpaticissimo che “gioca” con la propria immagine riflessa. Esibendo alcune sfumature di azzurro intenso sulle proprie ali, la rincorre inutilmente, cerca di afferrarla, quasi potesse penetrare nello specchio ed entrare in un’altra dimensione come nella più classica delle situazioni fiabesche.

-          È innamorata di se stessa – dicono tutti.

Forse è vero. Forse no. Ma sarebbe bello. Sarebbe l’incipit di una fiaba

 

30 aprile 2016 - Così “PROGETTO COMUNE” ha intitolato il convegno che, nell’aula consiliare di San Marco Argentano, ha dato significato al pomeriggio di ieri 29 aprile. Un tavolo di vero interesse, che avrebbe meritato maggiore attenzione da parte della cittadinanza, ancora non completamente sensibile a questi temi fondamentali che impegnano le coscienze e regolano azioni e comportamenti.

Tra le assenze, da tutti sottolineate con stupore, quella degli amministratori locali, fatta eccezione per una fugace presenza della sindaca (esibitasi in un saluto mordi e fuggi per impegni precedentemente assunti) e del suo vice, sopraggiunto a manifestazione abbondantemente in corso. …

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai alla pagina

 

Continua a leggere

 

Vai alla pagina

 

Continua a leggere

 

 

 

 

 

 

Addio con tenero rispetto

 

Politici e appeal

 

image006

29 marzo 2016 - Finita la retorica che inevitabilmente accompagna la dipartita di ogni personaggio in vista per meriti propri o per demeriti altrui, è il caso di rivolgere un pensiero sereno e scevro da emozioni o da rituali e non coscienti attenzioni, al povero Santino Esposito. Un cittadino di San Marco che mai, prima di lasciare questo mondo, aveva ricevuto segni di stima e di considerazione se non da qualche mente illuminata, che ne comprendeva la condizione e ne proponeva l’immagine come un simbolo della città, che gli diede prima i natali e poi un ruolo certamente non fortunato o autorevole nella vita quotidiana. …

 

11 febbraio 2016 - Quanto tempo è trascorso dalla nascita della Repubblica nel nostro Paese! Ero ancora bambino. Un bambino così piccolo che non aveva ancora la piena consapevolezza di quanto stava accadendo e della evoluzione politica, e per ciò stesso socio-economica, che stava attraversando la società italiana.

Solo più tardi, molto più tardi, presero corpo e assunsero importanza ai miei occhi le immagini autorevoli dei padri – e le madri - costituenti (poiché vi erano incluse anche 21 donne) nonché le figure degli uomini politici che, ciascuno per il proprio ruolo e dalla propria angolazione prospettica, tentavano con caparbia volontà di disegnare il nuovo volto dell’Italia, che aveva appena pagato un amaro tributo di sangue e di libertà ad un periodo storico travagliato, di cui ancora si discute senza quella necessaria serenità che possa fornire allo storico la lente otticamente nitida per mettere asetticamente a fuoco fatti e personaggi ai fini una analisi corretta e condivisa. …

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai alla pagina

 

Continua a leggere

 

Vai alla pagina

 

Continua a leggere

 

 

 

 

 

 

 

Tie’, alla faccia dei fessi…

 

Tutto il mondo è paese

 

 

 

 

 

 

 

 

 

     23 dicembre 2015 - Accade talvolta di rileggere più volte un brano, un articolo di giornale, perché sembra che ti richiami alla memoria una fatto, una situazione, un qualcosa che vivi, anche fastidiosamente, che ti ritrovi intorno svegliandoti al mattino e che non puoi allontanare come una mosca col gesto infastidito della mano. Rifletti, fai mente locale, ricorri ad associazioni di idee e ti accorgi finalmente che il fenomeno richiamato dall’elzeviro di Massimo Gramellini su “La Stampa” di qualche giorno fa, si riscontra, con gli opportuni raffronti ed in proporzioni ovviamente diverse, in numerose realtà sociopolitiche ed in latitudini le più differenti.

È come l’influenza, che di tanto in tanto ti coglie e che nessuno accetta di buon grado. Tanto è vero che c’è chi la combatte con gli opportuni presidi terapeutici, chi cerca di non rimanerne colpito e chi si vaccina per tenerla lontana. …

 

     8 gennaio 2016 …e dei morti viventi che la mattina, alle otto e trenta, si accalcano puntualmente e a testa bassa davanti alla porta dell’ex pretura per consegnare i propri figlioli ai pochi insegnanti dimessi e intristiti da una allocazione impropria quanto insicura, nonché quasi provvisoriamente definitiva, senza che possano fare o dire niente, pena, a sentir loro, le arroganti invettive di chi è responsabile di questo sfascio.

Allo Scalo, invece è tutta un’altra storia: dopo il restauro durato un paio di mesi, gli alunni hanno ritrovato un «…edificio più bello, luminoso e sicuro. Rifatti pavimentazione e servizi igienici, adeguati gli impianti elettrici, sostituite le porte interne, ampliata un’aula e tinteggiate le pareti» per un importo di circa 150 mila euro. …

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai alla pagina

 

Continua a leggere

 

Vai alla pagina

 

Continua a leggere

 

 

 

 

 

 

OSPEDALE

 

Alzati e cammina!

 

Ce lo ritroveremo sotto l’albero

o nella calza della Befana?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

5 dicembre 2015 - Mai come di questi tempi si è parlato così tanto e così spesso dell’ospedale di San Marco Argentano. (Leggi gli articoli) La sindaca Mariotti vuol dare l’impressione di prendere il volo e lasciarsi alle spalle la politica del «ramo secco», per troppo tempo condivisa, per amore o per forza, perché tanto cara al suo mentore. Non si sa se lei adesso si muove per espiare un vecchio scrupolo di coscienza o (spero tanto di no) per illudere ancora una volta la buona fede dei suoi concittadini. Certo, la foto a corredo dell’articolo delle “Cronache del Garantista” non è per niente rassicurante, vista la vicinanza sorniona di chi considerava il nostro ospedale un ramo secco da tagliare. (Leggi gli atti ufficiali)

Ma entriamo nel merito della notizia…

 

 

17 novembre 2015 - Dopo Lazzaro, sarà la volta dell’ospedale “Louis Pasteur” di San Marco Argentano. Speriamo soltanto che il miracolo non sarà operato dallo stesso santo taumaturgo che gli ha sparato in testa il colpo di grazia dopo averne sentenziato, in associazione, la condanna a morte.

Ciò che fa tenerezza, tuttavia, è la creduloneria di chi pensa o spera (non fingendo, ci auguriamo) che qualcuno possa rimettere in piedi il nostro ospedale dopo la sua proditoria spoliazione demolitrice e con la piena conoscenza del fatto che esiste ancora in circolazione chi rema contro per trarne, si dice, benefici personali.

Sulla scorta di tutto questo, …

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai alla pagina

 

Continua a leggere

 

Vai alla pagina

 

Continua a leggere

 

 

 

 

 

 

Memorial RL90

 

Voglia di politica

(Not councillor affair)

 

16 novembre 2015 - Quando vibrano le corde della memoria, l’animo freme d’armonia, quella espressa dalla virtuale ricomposizione di un periodo estremamente significativo della nostra vita e di quella delle persone che l’hanno riempita di senso e di valore.  Parliamo di un fenomeno apparentemente secondario, al quale attribuivamo un significato prevalentemente ludico, ma che il trascorrere del tempo ha rivalutato nella forma e nella sostanza riconoscendo valore incommensurabile a quel collante fatto di passione e di passioni comuni, tipiche di un’età e di un periodo storicamente cristallizzato in una manciata d’anni: un decennio circa.  Ne disegna alcuni tratti Antonio Piraino, sulla scorta di un nostro input non intenzionale, in un suo appassionato trafiletto comparso sul periodico “Oggi Italia”, che esce in lingua italiana nello stato americano della Florida, regalando brani della patria lontana a molti italiani d’America. …

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

7 novembre 2015 - Da tempo, ormai, i programmi televisivi affastellati nei palinsesti quotidiani che le emittenti di ogni latitudine e importanza ci propinano di giorno e di notte, sono ininterrottamente spalmati di talk show che, tra l’autorevolezza e il ridicolo di alcuni “ospiti”, informano, blaterano, rumoreggiano, spesso cazzeggiano, con l’intento (non sempre onesto) di fare opinione. Diremmo meglio: con la sottesa volontà di orientare la pubblica opinione.

Al di là, comunque, del voler fare critica televisiva (che non è il nostro mestiere), emerge, in questo eruttare di stilemi …

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai alla pagina

 

Continua a leggere

 

Vai alla pagina

 

Continua a leggere

 

 

 

 

 

 

Chissà chi lo sa!

 

Il mercato e la riforma

 

Un titolo su sei colonne e grandi foto per un banale furtarello e qualche piccola abrasione perpetrati di notte ai danni di una utilitaria parcheggiata sotto casa, appare inadeguato sotto il profilo giornalistico e, pertanto, lascia dietro di sé una scia di ipotesi e di sospetti, che lo stesso corrispondente del giornale non si esime dal mettere in evidenza.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

22 ottobre 2015 - Riorganizzazione del mercato domenicale”. Detta così sembra una cosa bellissima, una riforma taumaturgica per il mercato che affolla, movimenta e rallegra le domeniche sammarchesi ormai da qualche secolo.

Uno pensa: «Caspita! Questi fanno sul serio; vogliono veramente dare una spinta propulsiva all’economia che ruota intorno a questa tradizione socio-etnico-commerciale.»

Poi si sofferma a pensare e a valutare con più attenzione il comunicato stampa uscito su “la Provincia” e dice: «C’è qualcosa che non quadra!»

E ha ragione. Riorganizzare non è la stessa cosa che rivitalizzare.

 

 

Vai alla pagina

 

Continua a leggere

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ripercorriamo, attraverso stralci significativi, un anno caratterizzato da avvenimenti socio-politico-culturali non particolarmente edificanti, ma che ci restituiscono un’immagine della città condizionata dalla propria storia recente. Riteniamo che la memoria, per quanto dell’altro ieri (e, quindi, inconsapevolmente trascurata nella considerazione generale), abbia un ruolo importante nella vita di ogni giorno.                   (Cliccare sul titolo)

 

 

 

 

Vai alla pagina

 

Continua a leggere

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenti correlati

Visita archivio

Risultati per sintesi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

antologia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

image004

 

 

image005

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una coincidenza raccapricciante

 

Evacuazione lampo!        E i lavori?

 

E adesso santificateli tutti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

image006

 

image006

 

image005

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Oscurantismo e oscurità

 

I silenzi eloquenti

 

Tristezza, sconforto e speranza

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

image006

 

image005

 

image006

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dopo la ministra, la solita minestra.

 

Serra e l’apoteosi del “bitummo

 

La scuola restituita ai ragazzi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

image044

 

image052

 

image062

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Progetto: “Adotta un consigliere”

 

Sindaco f.f.

 

Sentite cosa Fo…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

image068

 

image086

 

image092

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Auguri, sindaco!

 

Il totem

 

Scusi, permette questo ballo?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

image012

 

image007

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

C’è modo e modo di uscire in prima pagina

 

Prima o poi, tutti i nodi vengono al pettine

 

Basta solo essere donna?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Albero_03_mini

 

Così, per caso… 

Mi sono trovato casualmente nella sala d’attesa di una struttura fisioterapica…

 

Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Serra_catilina_02

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Quo usque tandem…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

image006

 

image006

 

image005

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Pane sporco”

 

Giocare con la scuola è scorretto.   Ma è crudele anche tacere.

 

Elementari e Materne

Primo giorno di scuola (mancato)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

image006

 

image047

 

image007

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Benvenuta, Commissaria.

 

L’ospedale “sbranato” dagli incapaci

 

Uomo avvisato…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Inizio “ANTOLOGIA”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Altre pubblicazioni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Informativa sulla privacy

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questo sito nasce, nei primissimi giorni di maggio del 2013, per osservare e riferire un po’ di quanto si muove sulla scena politica a San Marco Argentano, prevalentemente nel palazzo comunale.

Balza agli occhi immediatamente che siamo di fronte ad uno scenario drammatico sul piano della qualità e della competenza, confuso e disorientato sul piano politico, scadente sul piano dell’autorevolezza nel contesto territoriale.

Calca la scena un cast di “attori” dalla innata predisposizione per la recita a soggetto, che un finto regista muove secondo un concetto di intercambiabilità perenne. Comparse e primi attori si confondono nel tira e molla delle cariche affidate secondo la “strategia” del pressappoco, per cui vengono ritirate, riaffidate, rimodulate, mollate e riprese tra entusiasmi e musonerie che fanno parte del canovaccio, come una scena da teatro dell’arte di qualche secolo fa.

Sembra di assistere ad una rappresentazione dell’opera dei “pupi”, con la differenza che il “saracino” qui è nel Palazzo, dove è entrato con le sue truppe allineate e coperte marciando all’inno di “Aggiungi un posto a tavola”.

Gli amici di ieri sono i nemici di oggi e Dio solo sa che cavolo saranno domani.

Il cielo ci è testimone, immobile come gli allineati.